lunedì 15 febbraio 2010

Un altro cannone borbonico recuperato a Porto Empedocle



Ancora un cannone borbonico recuperato per il Museo Regionale del Mare.

Sembra incessante la rivalutazione storica di oggetti e pezzi di artiglieria risalenti al Regno delle Due Sicilie da parte degli amministratori che finalmente sembrano aver capito che la storia si deve rivalutare e non nascondere.

Prosegue l’opera di recupero della memoria storica della cittadina marinara voluta in particolare modo dal sindaco, Calogero Firetto.

Un altro cannone borbonico è stato recentemente “sottratto” dalla sua insolita funzione di bitta per l’ancoraggio delle navi, presso il molo di Porto Empedocle e sottoposto ad azione di recupero,

Ora verrà aggiunto alla collezione di cannoni precedentemente rinvenuti e già restaurati, che attualmente sono collocati in varie zone della città, in particolare di fronte e nell’atrio del Palazzo Civico.

Quest’ultimo cannone, dopo il restauro, è stato temporaneamente collocato presso l’atrio della sede della Polizia Municipale, in via Lincoln. Ma presto troverà definitiva e naturale sede, all’interno della Torre di Carlo V così com’era in origine. Verrà, infatti, allestita un’apposita sala denominata “sala cannoniera”, che contribuirà ad arricchire il progetto portato avanti dal Comune di Porto Empedocle di trasformazione della Torre borbonica nel primo "Museo Regionale del Mare".

fonte: http://www.agrigentoweb.it/ancora-un-cannone-borbonico-recuperato-per-il-museo-regionale-del-mare_37155/

2 commenti:

Anonimo ha detto...

almeno non si azzardano a dire che sono cannoni di garibaldi come fanno a Messina ahah.
ma ci sono stemmi sopra??

COMITATO SICILIANO ha detto...

Ciao, credo si tratti di un cannone borbonico di fine '700 di produzione svedese, come gli altri che stavano nella zona.
Aspetto di vedere una foto con lo stemma per avere la sicurezza al 100%